Funghi, flora e faunaFunghi, flora e fauna

Indietro

Bulgaria inquinans

Avanti

Helvella acetabulum

Disciotis venosa


Disciotis venosa (Pers.: Fr.) Arnaud

Famiglia: Morchellaceae

DescrizioneAscocarpo: sotto forma di apotecio 4-20 cm. di diametro, stipite corto, a forma di  tazza irregolare con costolature  che si dipartono dallo stipite. Imenoforo: liscio poi rugoso, venato, di colore bruno nocciola, marrone. Gambo: appena abbozzato, corto, formato dalle nervature che confluiscono alla base. Microscopia: spore  22-25 x 12-15 µ, ellittiche, lisce, ialine, con parete spessa, gialle, con presenza di piccole guttule; aschi: ottosporici, cilindracei, non amiloidi; parafisi: con apice clavato, settate, pigmentate di  colore bruno. Carne: fragile, elastica, biancastra, alla frattura emana un odore caratteristico di cloro.

Commestibilità: commestibile dopo cottura.

Biologia e habitat: cresce su terreno nudo o erboso nei boschi di latifoglie in primavera, singola rmente o a gruppi di pochi esemplari.

Presenza nella zona di studio: rinvenuto nella zona di Cà Rio (Comune di Cagli) poco ad Est di Acqualagna.

Note: specie abbastanza rara nel nostro territorio, che si può confondere con alcune Peziza,   ma l’odore di cloro che emana alla frattura la rende inconfondibile.

 

 


Dettaglio scheda
  • Data di redazione: 10.01.2019
    Ultima modifica: 10.01.2019

Nessun documento correlato.


Indietro

Bulgaria inquinans

Avanti

Helvella acetabulum